La rubinetteria ideale

All’inizio di questo blog vi ho parlato delle varie tipologie di lavello per la cucina, ma non mi sono mai soffermata più di tanto su quello che rappresenta il mondo della rubinetteria (sia essa per la cucina o per il bagno). Ormai, infatti, è difficile distinguere rubinetti tipicamente da cucina e quelli tipicamente per i sanitari del bagno, perché si sono completamente uniformati, tranne alcuni casi eccezionali e molto particolari.

Ma vediamo nel dettaglio come si dividono e come possiamo scegliere quello più adatto alle nostre esigdownload (3)enze:

  • il miscelatore presenta un unico elemento girevole e di apertura dell’acqua, solitamente posizionato dietro o a fianco del getto;
  • il rubinetto invece presenta due manopole laterali, una per l’acqua fredda e una per l’acqua calda, con la quale regolare temperatura e velocità di flusso.download (8)

Queste sono le due grandi famiglie in cui suddividiamo la rubinetteria; poi, ovviamente, un altro elemento discriminante è il materiale di composizione (come per i lavelli): la maggior parte sono in acciaio, cromato o meno, ma ci sono anche degli esemplari con finitura in ottone (per bagni e cucine in stile classico).

Esiste poi un’altra sotto classe costituita dall’altezza del getto; questa caratteristica è fondamentale per la scelta in quanto vi permetterà di godere o dannare il vostro bagno/cucina. Mi spiego meglio:

  • getto basso:adatto per lavabi da bagno preferibilmente con bordi squadrati e dritti, con qualunque incasso e di qualunque profondità; sia con il rubinetto che il miscelatore, il getto dell’acqua non sarà troppo potente da schizzare in giro, rendendo il vostro bagno un acquario.

download (5)

  • getto medio: adatto per lavelli da cucina e lavabi da bagno, di qualunque forma e incasso; questo non ha nessuna controindicazione in quanto l’acqua uscirà senza pressione eccessiva dandovi comunque l’opportunità di usare il lavello comodamente.

download (4)

  • getto alto: adatto per lavelli da cucina profondi e ampi e per lavabi da bagno con fondo arrotondato; queste sono caratteristiche da tenere in considerazione perché più alto è il getto maggiore sarà la potenza di uscita dell’acqua e quindi maggiore sarà l’acqua schizzata.

download (2)

C’è, infine, da considerare il tipo di montaggio; come i lavelli, anche la rubinetteria non ha un solo incasso, ma può essere attaccato sia al lavello stesso che al piano di appoggio (sia esso della cucina o del bagno). Nel primo caso, tutte le rubinetterie possono essere applicate ai vari lavabi; nel secondo caso, il mio consiglio è di calcolare l’altezza effettiva della vasca (se parliamo del lavabo da bagno) in appoggio sul piano e quindi scegliere l’altezza del getto più indicata (tenendo conto dei suggerimenti precedenti).

images (10) images (9)

Ma facciamo un esempio: abbiamo un mobile da bagno con piano in quarzo e vasca in appoggio ovale (quindi con bordi arrotondati); la soluzione migliore è il getto medio, perché la vasca è sì arrotondata, ma non abbastanza profonda da contenere la potenza di getto di quello alto.

images (13)

Eccovi altri modelli, alcuni molto futuristici, da cui potrete trarre sicuramente qualche spunto.

download (7) download images (3) images (4)  images (6) images (7) images (14) images (5) images (11) images (18) images (8) images (19) images (20)

Annunci
La rubinetteria ideale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...