Esperienza Expo

Sono irrecuperabile!Questo weekend sono stata a Milano a trovare la mia famiglia e mi sono completamente dimenticata del nostro appuntamento di ieri!!

Ero però talmente soddisfatta di essere riuscita ad andare ad Expo, anche se per poche ore, che non ho pensato ad altro che “ne devo assolutamente parlare lunedì sul blog!”. Ed eccomi qui a cercare di spiegare a lettere scritte le mie sensazioni.

Vi dico subito che ci sono stata venerdì sera appena arrivata perché avevamo già deciso con il mio compagno di volerlo vedere di sera (anche per il costo, lo ammetto, viaggiando noi in 4 sarebbe stato quasi proibitivo!). Il mio unico obiettivo era vedere finalmente l’albero della vita che in tanti hanno decantato, e così ho fatto!Certo, ci sono arrivata quando ormai gli spettacoli erano finiti e la voce all’altoparlante intimava i visitatori a raggiungere le uscite ma, come si dice, chi si accontenta gode!

expo 006

So benissimo che arrivo in ritardo anche in questo, ma vorrei comunque mostrarvi la mia sensazione nel vedere questo progetto davvero ambizioso e spettacolare che è stato creato per l’esposizione mondiale sul cibo. L’albero come simbolo di vita e nascita ce lo insegnano fin da bambini con la canzone “Per fare un tavolo ci vuole il legno, per fare il legno ci vuole l’albero…”; l’acqua come simbolo di vita e purezza, tutto parte dall’acqua e dall’aria e l’albero ne è il simbolo perfetto.

Certo, non mi sono fermata 4 ore davanti a questa meraviglia, ma vi confesso che nel poco tempo a disposizione ho apprezzato tantissimo il padiglione zero (l’unico aperto la sera facilmente visitabile) con le sue strutture immense che richiamano la grandezza e la magnificenza dell’albero, i video e le foto di come l’uomo nel tempo ha cambiato il suo rapporto col cibo e la sua ricerca/conquista. I modelli della città cambiata da secoli a questa parte, le immagini delle piantagioni eco sostenibili in giro per il mondo; tutto legno, tutto tatto.

expo 001 expo 003

Questa struttura che a me ricordava tantissimo la libreria immensa nel cartone “La bella e la bestia” (ora potete anche insultarmi!) mi ha lasciato senza parole…tanti cassetti che possono rappresentare le enorme potenzialità del sapere umano, chiusi e aperti, in alto e in basso, tutto intorno. Uno spettacolo!

Ovviamente non potevo non soffermarmi al Padiglione Italia: un’immensa struttura, imponente, elegante, sinuosa. Mi ha completamente stregata!Ovviamente chiuso all’interno, ho potuto ammirarne solo l’esterno e la parte di camminamento; non credo di riuscire a trovare le parole giuste per esprimere la mia ammirazione per questo progetto.

expo 005

Nel tornare verso l’uscita sono stata attirata anche dal Padiglione Israele, dove le colture verticali mostrano come sia possibile pensare ad un paesaggio completamente ribaltato rispetto all’immaginario comune; orzo, grano, mais a cascate. A Milano sappiamo che già sono stati progettati palazzi con giardini verticali spettacolari, quindi non sono una novità; ma presentati all’esposizione mondiale sul cibo e l’eco sostenibilità con coltivazioni vere e proprie sono state per lo meno una piacevole sorpresa.

expo 008 expo 007

E voi ci siete stati ad Expo? Cosa vi è rimasto impresso?

(foto realizzate dalla sottoscritta)

Annunci
Esperienza Expo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...