Salone internazionale del libro

Come ogni domenica ci sentiamo per un consiglio su una mostra o una fiera da visitare; oggi ho deciso di uscire in parte dall’argomento principe del blog per sforare nel territorio dell’altro mio blog .

Salone2016_sitodef

Amici di Torino e non, oggi grande occasione di portare anche i vostri figli ad una delle fiere più belle che si trovano in Italia: Il Salone Internazionale del LibroDove potranno incontrare anche i loro personaggi preferiti (oggi, per esempio, ci sarà Geronimo Stilton, per gli appassionati del topo più investigativo di tutti i tempi).

Non so come sia il tempo, ma non potete certo farvi scoraggiare dalla pioggia e perdere quindi la possibilità di leggere gli ultimi libri usciti. Domenica decisamente alternativa, anche per chi mi legge di solito per consigli e novità in ambito di arredamento.

Buona domenica a tutti!

Salone internazionale del libro

Facciamoci un pò di pubblicità

Già, perché in fin dei conti di questo si tratta oggi 🙂

Un lungo e polposo articolo oggi ve lo siete già cuccati, quindi al momento non mi resta che farmi un pò di pubblicità invitandovi ufficialmente a dare un occhio al nuovo blog che ho creato e che curo personalmente, come questo in fin dei conti.

Si tratta, stavolta, di un tema completamente estraneo all’architettura di interni e al design: la lettura. Che come voi sapete bene è una passione che mi porto dietro da decenni (ahimé, da un anno a questa parte mi tocca proprio parlare di decenni!). Bene, allora dopo aver accarezzato più volte l’idea di parlarne apertamente con voi, di scriverne e di goderne pubblicamente alla fine ieri mi sono decisa e sono partita con questa nuova avventura. Vediamo un pò come va 🙂

Al momento il mio unico interesse sarà quello di raccontare, dal mio punto di vista, i libri che ho letto da poco, quelli che mi hanno accompagnato in questi anni e quelli che sto ancora leggendo; basta. Niente di troppo complicato, niente di troppo studiato; per il momento 😉 Anche perché di idee da inserire ne avrei, ogni giorno mi viene in mente una cosa che potrei aggiungere, un argomento che potrei inserire, ma poi mi fermo e mi dico: aspetta, vai con calma e goditi questi primi momenti, vedi come va e poi scala la marcia.

Spero tanto che voi che mi seguite qui vogliate seguirmi anche “dall’altra parte”, mi farebbe immensamente piacere 🙂

Allora, non mi resta che darvi le indicazioni di viaggio per raggiungermi e spero di vedervi tutti: unadolcedipendenza.wordpress.com

Facciamoci un pò di pubblicità

La lettura: una dolce dipendenza!

Non sto nemmeno a prolungarmi con scuse e spiegazioni di vario genere e natura per la mia assenza prolungata, vi basti sapere una sola e gigantesca parola che ha assorbito il mio tempo da due mesi a questa parte: LAVORO!

Direte voi: e allora?Tutti lavorano, non che tu faccia eccezione. Ragione, per questo non volevo dilungarmi troppo su questo aspetto, perché sarei noiosa e sprecherei il poco tempo che ho a disposizione oggi dopo due mesi per parlare di cose oggettivamente tediose. Per cui, passiamo oltre, s’il vous plait 😉

Una cosa che questi due mesi di assenza “forzata” mi ha ridato, però, è il mio amore mai sopito per la lettura; che come descrivo molto bene nel titolo è proprio una DOLCE DIPENDENZA! Non posso fare a meno di non sorridere a pensare a me, tra un lavoro e l’altro, tra un incarico e l’altro, in una pausa pranzo veloce o in un momento di quiete, con in mano sempre un libro nuovo, diverso. Devo ammettere che questa mia passione si è rinnovata ancora di più dopo Natale, riscoprendo anche il piacere per l’odore della carta stampata (mi ero anche io digitalizzata), il senso del tatto rinato con pagine ruvide, lisce, alcuni caratteri in rilievo che il bellissimo schermo di un kindle non potrà mai ricreare.

Ovviamente questo ha portato con sé un altro e, almeno momentaneamente, insormontabile problema: dove li metto?? Perché casa mia è proprio uno spazio al limite della convivenza tra 4 persone, due grandi e due piccole, ognuna con le proprie passioni e poco spazio/tempo per coltivarle. Quindi i miei libri sono, tragicamente, relegati in qualunque buco si riesca a ricreare all’interno di un armadio, di un’antina della cucina, del mobile svuota tasche dell’ingresso. Se anche voi avete questa passione, potete ben capire quanto sia tremendamente deprimente vedere tutte quelle belle copertine colorate o meno, lisce o meno, grandi o meno, schiacciate tra loro senza possibilità di essere ammirate nel loro splendore…ma mi sono ripromessa che la prossima casa che avrò (sempre nella speranza che questo desiderio si avveri) dovrà avere PER FORZA una stanza solo ed esclusivamente per i miei libri! In stile “La Bella e la Bestia”, avete presente? Credo di sì, perché già ve lo avevo detto qualche tempo fa 😉

In attesa di questo mio desiderio, vi lascio con una carrellata di immagini di librerie estrose e originali a cui potreste ispirarvi per allestire uno spazio nella vostra casa per la vostra passione.

P.S: la prossima volta che ci sentiamo vi racconto di una cosa pazzesca che mi è successa, grazie alla mia cara amica/collega Chiara Fedele. Perciò, stay tuned!!

La lettura: una dolce dipendenza!