REDESIGN YOUR SCHOOL 2/04-5/06 2016

Oggi, come sempre dal lavoro, vi invito ad una mostra che sta per terminare ma che vale davvero la pena di visitare, se non altro per le implicazioni sociali che ne derivano.

redesign-web

Si tratta di una mostra promossa dalla Triennale di Milano in occasione della XXI Esposizione Internazionale e che ha coinvolto decine di studenti delle scuole primarie e secondarie della città, con l’intento di riprogettare lo spazio scolastico seguendo proprio le indicazioni dei primi protagonisti di questo spazio. Con i loro progetti, dieci dei quali finalisti del concorso e in esposizione proprio alla Triennale, i ragazzi decidono di prendere la parola su un aspetto fondamentale per la loro crescita e la loro vita scolastica. E’ interessante soprattutto valutare quali soluzioni hanno trovato per risolvere alcuni aspetti come la sostenibilità e la distribuzione degli spazi. Alcune classi e istituti, anche non vincitori, si sono impegnati a realizzare i progetti presentati, per dare per primi l’esempio da seguire alle istituzioni che dovranno intervenire in futuro.

Davvero una grande iniziativa che pone l’accento su un aspetto cruciale della vita della città, che non si può ridurre al traffico e alla mancanza di parcheggi. La scuola è parte integrante della vita sociale e culturale di ogni centro urbano e dovrebbe essere posta come centro di un progetto più ampio di vivibilità e interazione.

Andateci e fatemi sapere cosa ne pensate!

Annunci
REDESIGN YOUR SCHOOL 2/04-5/06 2016

Warhol è Noto

Ok, non ci sono scuse né redenzione per la mia perpetrata assenza. Ma voglio farmi perdonare, invitandovi a visitare una mostra che se fosse qui vicino io sarei già ad ammirare:

d9fc17f32b375e9eeed63a6c2d3200a4_XL

Allestita presso l’Ex Convitto Ragusa nella piccola città di Noto, patria del barocco, conta 120 opere del grande artista provenienti dalla collezione Rosini-Gutman; troverete alcune opere uniche, come il ritratto di Mao e l’opera su tela Liza Minnelli, insieme ovviamente alle grandi icone pop come Marilyn e Ingrid Bergman.

Decisamente un’occasione da cogliere al volo per entrare nel mondo artistico di un uomo che ha cambiato il concetto di arte moderna e contemporanea diventando, di fatto, un simbolo riconoscibile e unico.

Buona visione!!!

 

Warhol è Noto

Roma: The Art of the Brick

Non sapete come passare i giorni di festa che i vostri bimbi hanno per la chiusura delle scuole? Un consiglio: se siete di Roma, non avrei dubbi su dove mandarvi per riempire di meraviglia gli occhi delle vostre creature.

art-of-the-brick_630

Nello spazio espositivo di via Terso, il SET, Nathan Sawaya realizza il più grande sogno di ogni bambino (e adulto!) mostrandovi più di 80 sculture grandi e piccole realizzate solo ed esclusivamente con i mattoncini più famosi al mondo: I LEGO!

Una meraviglia per gli occhi sia dei più piccoli che potranno vedere opere anche famose riproposte e rivisitate attraverso il mattoncino che ci ha accompagnato nella nostra infanzia, maschi e femmine che siamo; sia per i più grandi che potranno tornare, grazie a questo fantastico artista americano, per un pomeriggio, bambini.

green_MGTHUMB-INTERNA

Alzi la mano chi di voi non ha mai giocato con questi pezzetti di plastica colorata…probabilmente vi conterete sulle dita di una mano! Io ne avevo la cameretta piena, piccoli e grandi, coloratissimi e sempre in “movimento”. Sawaya ha voluto mostrare come un oggetto di uso così comune e tanto conosciuto al mondo possa diventare parte integrante e fondamentale di un’opera d’arte.

klimt

A Roma fino al 16 Febbraio 2016. Cosa state aspettando?!

Roma: The Art of the Brick

Roma: Fondazione Maxxi e “transformers”

Se siete di Roma non potete non andare a visitare questa mostra davvero eccentrica e originale; e se non siete di Roma ma avete intenzione di fare un salto nella capitale, approfittatene!

Transformers_Thumb-600x400

Quattro artisti, designer e creativi da quattro parti del mondo danno vita ad una mostra in cui TRASFORMAZIONE non è più solo un termine astratto ma diventa in qualche modo palpabile e visionabile; vi dimostreranno come oggetti e concetti di natura comune possono completamente trasformare il loro spirito ed adattarsi a situazione completamente nuove e imprevedibili.

Gli scolapasta diventeranno fronde di alberi in una foresta; armi diventeranno strumenti musicali e non di morte; e così via…

Ma non voglio svelarvi tutta la meraviglia della mostra; vi lascio solo con uno stralcio preso dal sito ufficiale della fondazione che descrive in modo esaustivo il principio dietro questo evento:

“Attraverso le opere dei quattro creatori, la realtà si trasforma in un’altra realtà, che accende la fantasia, stimola la riflessione, invita alla condivisione e all’esperienza, a vedere oltre.

Il nostro mondo è in trasformazione, una combinazione di analogico e digitale che sta modificando il modo di vivere.
Le nuove tecnologie stanno cambiando il modo in cui ci definiamo come esseri umani e dunque “trasformazione” è oggi la parola chiave delle nostre esistenze. Di fronte a questo mutamento epocale, numerosi autori hanno messo in atto tentativi rivoluzionari di rispondere alla sfida, sia attraverso forme di resistenza che di innovazione.”

Choi Jeong-hwaDidier Fiuza FaustinoMartino Gamper, Pedro Reyes

www.fondazionemaxxi.it

Roma: Fondazione Maxxi e “transformers”

Milano, Triennale: Comunità italia

Una settimana di completo isolamento, ecco come definirei i miei ultimi 7 giorni.

Ma non voglio perdere altro tempo, e vi invito subito a visitare una mostra che nella sua completezza vi farà amare ancora di più la città di Milano.

invito-comunità-590x590

Si tratta di una mostra incentrata sull’architettura, il paesaggio e la città dal dopoguerra ad oggi, presentata attraverso le opere (disegni, progetti, bozzetti,…) di grandi architetti e progettisti che hanno fatto di Milano una città icona per la sua architettura, copiata spesso in giro per il mondo.

Potrete ammirare i lavori dei massimi esponenti dell’architettura italiana dal dopoguerra ad oggi, tra cui Aldo Rossi e Renzo Piano.

La mostra Comunità Italia ha inaugurato presso la Triennale di Milano il 27 Novembre e rimarrà aperta fino al 6 Marzo.

Non perdete l’occasione di rivivere la città meneghina attraverso i disegni e le illustrazioni che l’hanno poi portata a diventare quella che conoscete oggi.

Milano, Triennale: Comunità italia

Bologna:Morandi’s Objects di Joel Meyerowitz

Come ogni domenica vi porto in un luogo della nostra bella Italia dove poter ammirare dei veri capolavori.

1444587193_12088259_962880270437301_2752783803029958068_n

Oggi ho deciso di spostarmi verso la giovane e movimentata Bologna, dove presso il nuovo spazio espositivo Damiani dal 23 Ottobre al 1 Febbraio potrete ammirare 700 scatti del fotografo più rappresentativo della fotografia contemporanea Joel Meyerowitz.

Per dar vita a questa mostra, ha potuto visitare le stanze dell’artista e visionare tutti gli oggetti conservati, studiarne i contorni e i particolari per riprodurre lo stesso magnetismo e la stessa intimità che l’artista bolognese riusciva a riprodurre nelle sue nature morte.

Se non conoscete questo artista o le opere di Joel, andate a visitare la mostra che ve li farà scoprire entrambi, in un connubio di arte e visioni complementari.

Come sempre, per tutte le informazioni su orari e biglietti, ecco il sito di riferimento: www.damianieditore.com

 

Bologna:Morandi’s Objects di Joel Meyerowitz

Dagli Impressionisti a Picasso: Genova, Palazzo Ducale

Come ogni domenica (tranne la scorsa, lo ammetto!), eccomi a consigliarvi una mostra, una fiera o un evento in generale che potrete visitare senza rimpianti.

mostra_impressionisti_picasso_palazzo_ducale_genova

Oggi vi porto a Genova, palazzo del Doge, dove dal 25 Settembre al 10 Aprile, potrete ammirare le opere di tanti grandi artisti, dagli Impressionisti a Picasso (proprio come cita il titolo di questa meravigliosa mostra). Opere prestate dal Detroir Institute of Arts e che saranno visionabili all’interno del Palazzo Ducale diviso per l’occasione in stanze tematiche, in cui si potranno ammirare i capolavori di Degas, Van Gogh, Monet, Cezanne, Picasso e tanti altri che hanno fatto la storia dell’arte dall’800 ad oggi.

Come cita la presentazione su sito della fondazione che ha organizzato questa mostra: 

“Per la presenza di tutti i protagonisti, e per l’importanza delle opere, è possibile tracciare l’intera vicenda dell’arte europea dall’impressionismo alle avanguardie.”

Che altro aggiungere se non: BUONA VISIONE!

Per tutte le info www.palazzoducale.genova.it/dagli-impressionisti-a-picasso/

Dagli Impressionisti a Picasso: Genova, Palazzo Ducale